Il sito è sviluppato da ADVISER S.R.L. C.F. / P.IVA 05064880288

Ogni diritto riservato © 2017

La riforma dei segreti commerciali

Avv. Piergiovanni Cervato - Adviser

Con la trasposizione della direttiva UE 2016/943 sulla protezione del know-how riservato e delle informazioni commerciali riservate, apportata dal d.lgs. 11 maggio 2018 n. 63, le informazioni aziendali riservate diventano “segreti commerciali”.

Dove è intervenuta la riforma

La riforma comunitaria ha modificato norme sostanziali civili, processuali e di previsione penalistica, incidendo rispettivamente sul Codice della Proprietà Industriale (CPI, d.lgs. 30/2005) e sul codice penale (artt. 388 e 623 c.p.).

Cosa sono i segreti commerciali

I segreti commerciali (art. 98 CPI) sono quelle informazioni aziendali ed esperienze tecnico- industriali, comprese quelle commerciali, soggette al legittimo controllo del detentore, che:

  • siano segrete, nel senso che non siano nel loro insieme o nella precisa configurazione e combinazione dei loro elementi generalmente note o facilmente accessibili agli esperti ed agli operatori del settore;

  • abbiano valore economico in quanto segrete;

  • siano sottoposte, da parte delle persone al cui legittimo controllo sono soggette, a misure da ritenersi ragionevolmente adeguate a mantenerle segrete.

Comunemente, quando si parla di informazioni aziendali segrete, si fa riferimento al concetto di know-how, ma come si vede dalla norma non è sufficiente la segretezza, in quanto necessita anche che essa sia mantenuta tale con idonee misure, siano esse di natura tecnica-tecnologica, organizzativa, giuridica.

Unʼinformazione segreta dovrà quindi essere protetta da idonee misure di accesso selettivo (ad es. quelle informatiche attraverso lʼuso di credenziali di autenticazione con user-id e password), come anche da strumenti giuridici quali gli impegni di riservatezza

(NDA) ed altre forme di obbligo alla non divulgazione.

Infine, lʼinformazione dovrà anche avere un valore economico intrinseco, per cui eventuali segreti che non abbiano valore in quanto tali non potranno essere oggetto di tutela.

Come sono tutelati i segreti commerciali

I segreti commerciali, in quanto annoverati nel CPI, sono espressamente considerati quali diritti di proprietà industriale e nello specifico quali diritti non titolati.

Ne consegue che essi non sorgono per effetto di domande o altri atti costitutivi, ma vengono ad esistenza tanto in quanto siano sussistenti i requisiti di legge.


È opportuno dunque pianificare gli strumenti di definizione e protezione dei segreti commerciali attraverso mezzi organizzativi, procedurali e giuridici, affinché possano divenire asset intangibili aziendali degni di tutela e di valorizzazione economica.


Avv. Piergiovanni Cervato

Avvocato e Master in Diritto della Rete

con esperienza nei settori IP e ICT